Croce del masso e Poggio alla Marruca

Itinerario percorribile privo o con scarsa segnaletica

Breve, ma suggestivo anello che congiunge l’area di sosta attrezzata in località “croce del masso” con la cima del “poggio della Marruca”.

Si cammina sempre sulle rocce verdi, le ofioliti: il sentiero attraversa brevi tratti di pineta che, salendo, lasciano spazio alla macchia mediterranea . Il rilievo si caratterizza per la presenza di una flora peculiare, adattata alle difficili condizioni di sopravvivenza dei terreni serpentinosi, ricchi di metalli pesanti fitotossici e poveri di sostanze nutritive. Tra le specie presenti spicca la rara Stipa etrusca che, insieme ad altre, più colorate, forma, in primavera, un vero e proprio giardino botanico.

Dalla cima del colle (489 m.) un superbo panorama ci consente di osservare la celebre “Valle del Diavolo”, area storica del primo sviluppo industriale geotermico e chimico e antico teatro di suggestioni dantesche, per i molti fenomeni idrotermali osservabili sin dall’antichità, come i famosi lagoni boraciferi.

Il panorama spazia poi a est verso la Rocca Sillana e il senese, a Nord verso Volterra a l’Appennino e a ovest verso l’immensa foresta di Monterufoli.