L’abetina di Monte Soldano

Ad un tratto l’Appennino in ambiente mediterraneo. Del nucleo di abeti bianchi (Abies alba) e duglasia (Pseudotsuga menziesii) piantati a scopo sperimentale a partire dagli anni 30 del novecento è rimasto ben poco. Le piante, fuori dal loro areale tipico, hanno sofferto molto il susseguirsi di estati siccitose. La particolare freschezza del versante consente comunque una diffusa rinnovazione.