L’Alta Val di Cecina: tremila anni di storia e una natura selvaggia

L’Alta Val di Cecina ricomprende i territori dei Comuni di Castelnuovo Val di CecinaMontecatini Val di CecinaPomaranceMonteverdi Marittimo e Volterra.

Terra di colline, di boschi e di corsi d’acqua, l’Alta Val di Cecina presenta i segni della millenaria presenza dell’uomo, diffusi in un contesto naturalistico straordinario.

Percorrere la valle regala una sorpresa dietro l’altra: dalla città di Volterra, centro indiscusso delle numerose testimonianze delle civiltà etrusca, romana e medievale, ai numerosi borghi, rocche, castelli, pievi medievali, ai frequenti resti delle attività minerarie, che oggi sono rivolte essenzialmente all’estrazione del sale e al peculiare sfruttamento della Geotermia, ogni località offre occasioni di vista uniche in Toscana.

Questo patrimonio culturale è parte integrante di un complesso mosaico paesaggistico, che offre i tratti tipici della campagna toscana, insieme a colline argillose contrassegnate da calanchi e biancane, estesi affioramenti rocciosi, aspri rilievi e valli profondamente incise, vastissime foreste e corsi d’acqua ad elevata naturalità.

Camminare nelle tre Riserve Naturali “Foresta di Berignone”, “Foresta di Monterufoli-Caselli” e “Montenero”, significa immergersi in 7100 ettari di natura protetta alla portata di tutti , vivendo sempre, in ogni stagione, grandi emozioni.

Il borgo di Pomarance apre la via  verso Larderello, capitale Mondiale della Geotermia, dove il Museo e “l’urlo” di un vecchio aprono una finestra sulle viscere della terra che, sempre, trasmette la sua immensa potenza: la stessa che ritroviamo nelle manifestazioni naturali di Sasso Pisano.

La TERRA, qui più che altrove, manifesta la propria ANIMA, generosa nel comunicare con l’uomo che sappia ascoltare. Una generosità che si ritrova tra la nostra gente, calda e accogliente in ogni angolo della nostra straoridanraia valle, l’Alta val di Cecina.